margherita.arrighi@gmail.com

Il bulldog francese marinaio con i grandi occhi e con la pipa

Questo tipetto un po’ sornione con le guanciotte da baci ed il nasino a cuore rosa è il mio Bulldog Francese. Colui che non deve chiedere perchè racchiude in sé l’Amore. E’ Frenchie il Marinaio o “Frenchie le Tombeur de Femmes” perchè nessuna può resistere al suo fascino. Francese di nascita, ma la sua casa è il Mondo.

Amour? oui…c’est moi…! 

Vuoi sapere di più sul suo outfit? un cappellino alla francese,  il foulard rosso fuoco… la maglietta bianca e nera ed un cuoricino che si fa spazio tra le righe. I suoi grandi occhi ci guardano e ci penetrano, mentre fuma la pipa.  Più lo guardo e più mi sento attratta da lui, perchè è un misto di dolcezza, sicurezza e serenità.

Lo sapete che c’è…! a me piace proprio fare illustrazioni, perchè con le matite mi diverto un sacco. Amo i colori ad olio da morire, ma amo tantissimo anche l’effetto delle mie “Derwent Pastel” che è un po’ la via di mezzo tra la matita tradizionale ed il gessetto, però le sfumature vengono bellissime…! Poi ovviamente il nero ed il bianco li stendo acrilici, perchè viene un colore più corposo e poi perchè con il pennello è bello stendere i colori.

PROCEDIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE

Una volta finito di fare il disegno, lo scannerizzo se è di piccole dimensioni o lo fotografo con una reflex con obiettivo 50mm perché non deforma l’immagine.  

Per prima cosa con lo strumento lazo di Photoshop lo seleziono minuziosamente. Poi lo ripasso con un pennello piccolo lungo i bordi per evidenziare il nero.  Ogni parte nera è ripassata pian piano a mano. Qui non uso mai lo strumento bacchetta magica perché è troppo sfumato. 

All’inizio ho creato un livello fucsia da inserire sotto, ma sto preferendo il rosa.  Le parole in questo caso le ho precedentemente scritte su di un’altro foglio con il pennarello Uniposca, scannerizzate ed aggiunte all’illustrazione finale selezionando il nero.  Adesso ho comprato la WACOM tablet con cui mi ci trovo molto bene anche per scrivere le frasi.Partendo da questa illustrazione sono arrivata a fare anche il Carlino con i suoi due amici spassosi: il Chiwawa bianco ed il gatto rosso. L’ho realizzato per il cantante grossetano Max Venturacci di cui amo molto l’ironia.

Questa che vedi sopra è una prima stampa elaborata precedentemente al computer e rifinita con i colori ad olio e materia sul quadro.  

Margherita Arrighi

Sono una pittrice sognatrice, appassionata della corrente artistica Mixed Media ed influenzata da questa, ho trovato nelle mie opere un equilibrio tra la pittura e l'applicazione di elementi che si trovano nella nostra vita quotidiana.
Raffiguro ciò che mi appartiene, come per esempio i miei due carlini Rugo, Tita che nelle opere vengono rappresentati quasi in modo giocoso, le figure femminili appaiono quasi elementari a chi le osserva, ma forse ad una più approfondita osservazione ci si può accorgere della loro difficile esecuzione.
Esse fuoriescono dalla tela trascinando ciò che mi circonda, le parole , le immagini, la carta , i fregi e tutto quello che inserisco nello sfondo, tutto porta a loro, ai loro occhi dolcissimi, che trasmettono serenità a chi le osserva e che danno alle opere quell' armonia dolce e gentile.
Nelle opere cerco di rappresentare me stessa non in senso figurativo ma racconto con i miei messaggi, i miei progressi e tutto quello che ho imparato nel mio percorso creativo. Racconto tutto quello in cui credo, sono messaggi che in questo modo acquistano forza e divertano ferme come rocce. Chiunque può leggere quello che vi è scritto sopra ed interpretare come vuole il loro significato, con la speranza è che qualcosa che scrivo vada ad innaffiare pensieri positivi di tante persone!
Credo fortemente che a goccia a goccia si può riempire anche il mare!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.